LinkedIn perché utilizzarlo e come utilizzarlo

untitled

LINKEDIN è un Social network dedicato al mondo professionale: la rete di persone e di informazioni che compongono la nostra vita diventa un elemento fondamentale e di valore non solo nella vita quotidiana di relazione, ma anche in ambito lavorativo Scopo principale: consentire agli utenti registrati il mantenimento di una lista di persone conosciute e ritenute affidabili in ambito lavorativo, facilitando azioni e interazioni che compiamo nel mondo del lavoro I nostri contatti sono un valore fondamentale da aggiungere a pieno titolo al nostro bagaglio di conoscenze e competenze ed un’efficace organizzazione della nostra rete può consentirci di osservare e mettere a fuoco collegamenti che normalmente non avremmo modo di notare.

In un momento storico in cui il mondo è globale, il mercato del lavoro non può che adeguarsi, muovendosi alla velocità… della Rete! 

LinkedIn ha un focus molto specifico ed è un modo per prendersi cura della nostra carriera. Inoltre, quello che facciamo su LinkedIn può diventare uno strumento attivo per la misura della nostra credibilità professionale. Avete già inserito il link del vostro profilo pubblico LinkedIn sul biglietto da visita cartaceo o sul vostro cv?
L’utilità è nell’individuare connessioni trasversali ed elementi interessanti e funzionali alla nostra attività lavorativa, nel coltivare conoscenze e competenze (tramite, per esempio, la partecipazione a gruppi tematici) e nel curare la propria credibilità e reputazione online.
Il mondo del lavoro si avvale sempre di più della Rete!!!!!!!!!!

3 MOTIVI PER ESSERE SU LINKEDIN:

1. IDENTITA’ PROFESSIONALE ON LINE q4

 

 

 

 

 

 

2. NETWORKING: collegars e farsi notare

q5

3.CONTENUTI: evidenzia le tue conoscenze e competenze

a1

ORIENTARSI NELL’INTERFACCIA

a2

a3c

Inviti e Messaggi: contiene tutte le richieste di contatto e i messaggi di posta che si possono inviare e ricevere tra contatti di LinkedIn
Notifiche: rimanda alla pagina di chi ha visitato il nostro profilo e agli aggiornamenti dei nostri collegamenti
Aggiungi collegamenti: permette di accedere ai contatti della rubrica email
 Foto/Account e Impostazioni: rimanda al centro assistenza, privacy e impostazioni, lingue, annunci e offerte di lavoro, aggiornamento account e permette di uscire dal proprio profilo.

 Nella sezione impostazioni possiamo impostare le nostre preferenze su:

 

a4

Il profilo pubblico è fondamentale per gestire ciò che i motori di ricerca possono indicizzare del vostro profilo. Salvo gli elementi base (nome, settore, sede, numero di segnalazioni), tutte le altre sezioni del profilo personale possono essere o non essere indicizzate da Google, Bing, Yahoo! Nel caso non lo si voglia.

 

a5a

Personalizzare l’URL del profilo pubblico, ovvero dell’indirizzo:

 htpp://linkedin.com/nomecognome.
Usarlo per diffondere l’indirizzo del profilo su LinkedIn in ogni contesto utile: CV, biglietti da visita, sito web, materiale commerciale, firma di posta elettronica, informazioni personali su altri social network. 
L’obiettivo è di inserire tutte le informazioni richieste da LinkedIn rilevanti in chiave professionale e di arrivare ad un profilo completo (elevata e/o massima)
I profili con una percentuale di completamento inferiore vengono parzialmente penalizzati nel motore di ricerca interno, ragion per cui vale la pena inserire in poco tempo tutto quanto necessario ad avere il massimo della visibilità
Su LinkedIn la prima impressione che suscitiamo negli altri utenti è influenzata in gran parte dalla primissima sezione del nostro profilo personale.

 

a6

Che cosa rende completo il profilo?

“Headline” o Competenze.
 Una foto «professionale».
 Esperienze lavorative e la relativa descrizione.
Il riepilogo del profilo.
Il percorso formativo.
Le competenze e le specializzazioni.
Almeno 50 collegamenti.
Un profilo completo moltiplica di circa 40 volte la probabilità di ricevere opportunità tramite LinkedIn.
IN SINTESI:
Nome e Cognome 
«Headline»: lo stile è personale c’è chi preferisce uno stile narrativo e chi preferisce inserire più parole chiave separate dal simbolo “|”. Le parole ricomprese in questi caratteri pesano di più rispetto alle altre parole presenti nel profilo per l’algoritmo di ricerca di LinkedIn e l’uso del simbolo “|” consente di inserire un maggiore numero di parole rispetto ad altre soluzione. In 120 caratteri specificare chi sei, cosa fai, cosa stai cercando o cosa puoi offrire.
 Località è attribuita automaticamente da LinkedIn in base al codice di avviamento postale inserito. 
Il settore economico/industriale può essere scelto cercando quello che rappresenta meglio l’area in cui si opera.
 
La sezione riepilogo è quella che attrae maggiormente l’attenzione di chi visita il vostro profilo e per tale ragione merita una cura particolare. E’ lo spazio dove inserire: esperienza, obiettivi personali e specializzazioni.
Aggiungere una posizione lavorativa richiede l’inserimento di:

•nome dell’azienda;
•qualifica;
•località in cui ha sede l’azienda;
•periodo di tempo;
•descrizione dell’attività (elemento distintivo e unico per rendere unico e appetibile il proprio profilo: attenzione alle parole chiave inserite)

 
La sezione Formazione è lo spazio in cui inserire il vostro percorso di studi, dalla scuola media superiore in avanti.
“Competenza ed esperienza” (Skills & Expertise) si collega a una sezione dove si inseriscono le competenze e si recuperano informazioni di mercato interessanti.
a7a 

Arricchire il profilo con sezioni specifiche per evidenziare momenti del vostro percorso professionale e di formazione che lo rendono unico e originale.

Esperienze di volontariato: amplificano le competenze ed esperienze con benefici misurabili in ambito professionale, acquistando valore agli occhi del selezionatore

•Pubblicazioni: avete scritto un libro? Siete tra gli autori di un volume relativo alla vostra professione?
•Certificazioni: esempio la qualifica per la certificazione energetica, l’abilitazione alla professionale per un ordine quale ingegnere, architetto, o altre certificazioni acquisite in corsi di formazione professionale
•Lingue conosciute specificando il livello di conoscenza
•Corsi di aggiornamento professionale
•Votazione esame solo se particolarmente brillanti e degni di nota.
•Riconoscimenti e premi per risultati conseguiti nell’esercizio della propria funzione
•Organizzazioni ovvero l’attività svolta in associazioni di categoria o riferite alla sfera professionale, come ordini o federazioni di industria o servizi.

a8

 

Le segnalazioni (dette anche raccomandazioni) sono un elenco fondamentale per il profilo personale. Il numero di segnalazioni è un fattore che influisce sul posizionamento del vostro profilo nei risultati del motore di ricerca di LinkedIn e le parole chiave inserite nella segnalazione contribuiscono a rafforzare il posizionamento della pagina.

 

a9

 

 

CONCLUSIONI

Per non perdere nessuna occasione controllate di aver soddisfatto tutti i punti dell’elenco che segue:
1.Assicurarsi che il titolo che presenta il vostro profilo personale (headline) specifichi le vostre aree di competenza e non il nome dell’azienda di provenienza. Inserire le Keywords giuste vuol dire apparire più facilmente tra i risultati di Google e del motore di ricerca interno di LinkedIn.
2.Spiegare nel riepilogo quale potrebbe essere la migliore posizione che state cercando.
3.Cercare di avere almeno 2/3 segnalazioni puntuali e non generiche.
4.Inserire le parole chiave tra le competenze, più conferme avrai da parte di altri utenti, migliore sarà il rank del profilo LinkedIn.
5.Un profilo completo gode di una migliore indicizzazione e di una maggiore visibilità sul motore di ricerca, aumentare la visibilità permette di ricevere un maggior numero di visite sul profilo da parte di aziende e professionisti nel settore in cui vuoi lavorare.